..::Associazione Shen Shiatsu::..

   
  - Elenco - Home -


01-03-2011

editoriale di Marzo

   

Come ogni anno, l'arrivo della primavera ci regala  il miracolo del rinnovamento e della rigenerazione della natura, pronta a risvegliarsi dal lungo letargo invernale con una prorompente esplosione di vitalità. La rigogliosa rinascita del mondo vegetale, insieme al sole, i fiori, le piante e il vento purtroppo ci porta una invisibile e silenziosa diffusione dei pollini liberata nell'aria. Asma, raffreddori da fieno, congiuntiviti e dermatiti allergiche sono i disturbi più diffusi e purtroppo anche in progressivo incremento in questo periodo. In Italia sono circa 10 milioni le persone che soffrono di allergie e il disturbo si manifesta soprattutto a marzo, con l'inizio della primavera, anche se si riscontra la manifestazione allergica ancor prima a causa degli inverni più miti e meno piovosi con conseguente diffusioni di allergeni, (pollini, polveri) nell'atmosfera. Ai disturbi sopra accennati, anche se fastidiosi e aggressivi,vi possiamo dare benefici con dei rimedi naturali capaci  non solo di alleviare i sintomi più comuni, ma anche di prevenire le crisi allergiche.

 I CONSIGLI CHE DARO' NON SONO SOSTITUTIVI AD UNA CURA MEDICA, MA BENSI' COMPLEMENTARI AD ESSA. E PRIMA DI INCOMINCIARE ,ANCHE UNA TISANA, PARLATENE SEMPRE COL VOSTRO MEDICO CURANTE.

È importante tenere d'occhio il calendario della progressione dei pollini del nostro paese così da poter decidere quando iniziare  un trattamento desensibilizzante che dovrebbe durare almeno tre mesi. Gli alberi producono polline da gennaio a maggio,le graminacee da aprile a fine luglio,le erbacee da luglio ad ottobre.  Il calendario ovviamente ha delle leggere variazioni di periodo tra Nord,Centro e Sud.

Ambrosia:luglio-settembre

Assenzio: luglio- settembre

Betulacee:febbraio- maggio

Erica:aprile-giugno

Faggio:marzo-giugno

Frassino:aprile-luglio

Graminacee: aprile -luglio con rifioritura a settembre

Ippocastano:marzo-giugno

Lanciuola: aprile - ottobre

Nocciolo: febbraio- marzo

Olivo: marzo-luglio

Olmo: febbraio - aprile

Ontano:febbraio-maggio

Ortica: da maggio a settembre

Parietaria:febbraio-ottobre

Pioppo e salice: marzo - maggio

Platano:marzo-maggio

Tarassaco: da maggio a giugno

Quercia, Pino, Piantaggine, Acetosa: da maggio ad agosto

 

Di seguito fornirò alcune indicazioni base  di rimedi naturali per alleviare i sintomi, naturalmente i miei suggerimenti non vogliono sostituirsi al parere del medico curante al quale occorre rivolgersi prima di assumere integratori, erbe, e quant'altro. In tutti i casi di allergie come prevenzione e per alleviare i sintomi è indicato il Macerato Glicerico di Ribes Nigrum , un gemmoderivato ricco di flavonoidi e tannini dalle spiccate  proprietà antiallergiche, antinfiammatorie ad ampio spettro. Per prevenzione sarebbe utile assumerlo per un ciclo di tre mesi prima del momento critico di prevista esposizione ai pollini. Dosaggio:50 gocce di Ribes Nigrum Macerato Glicerico I DH sciolte in poca acqua al mattino prima di colazione. Sempre per prevenzione al Ribes Nigrum associamo il Macerato Glicerico di Rosa canina:40-50 gocce in poca acqua la sera. Per un trattamento antiallergico efficace, ai due rimedi fitoterapici sopra descritti, abbiniamo l'oligoelemento Manganese-Cobalto :una fiala al mattino a digiuno per due mesi. Inoltre aggiungerei un integratore rinforzante:Uova di quaglia;la medicina tradizionale giapponese  utilizza da secoli le uova di quaglia selvatica per prevenire e stroncare le crisi allergiche e modulare le difese immunitarie.Un integratore alimentare a base di omogenato di uova di quaglie può rivelarsi un ottimo coadiuvante anti-allergico in caso di rinite e asma allergica, raffreddore da fieno ed eczema allergico:assumere 2-3 volte al giorno una compressa di omogenato di quaglia,(reperibile in farmacia),da sciogliere in bocca prima dei pasti.Altro rimedio "verde" per chi soffre di allergie primaverili è l'estratto fluido di Elicriso, è un eccellente antistaminico  naturale da assumere come prevenzione o rimedio nei periodi in  cui l'allergia è più fastidiosa: 30 gocce tre volte al giorno.

Se nonostante le nostre precauzioni, dovessimo incappare nel tanto fastidioso "attacco"ecco altri rimedi verdi.

·        Per la rinite con starnuti ripetuti,naso che gocciola, congestione e ostruzione nasale ottimo è lo spray nasale Euphorbium(Euforbio) compositum, il dosaggio è di due spruzzi per narici fino a 6 volte al giorno;non contenendo cortisone o vasocostrittori non ci sono problemi di sovradosaggio o effetti collaterali. Possiamo ricorrere anche ad una tisana decongestionante;far preparare dall'erborista 100 grammi di composto che comprende in parti uguali:timo, eucalipto, sambuco, borraggine e ippocastano, lasciare in infusione per 10 minuti un cucchiaino del mix di erbe in una tazza d'acqua bollente e berla per tutto il mese di marzo 2 volte al giorno lontano dai pasti.

La floriterapia ha un rimedio che agisce  come una sorte di “scudo” energetico, difendendoci dagli affetti dell’inquinamento, esposizioni ad agenti tossici di qualunque tipo, sostanze nocive, radiazioni;il rimedio  californiano Yarrow Enironment Solution noto anche come YES,preparato con le essenze floreali di Achillea, Arnica ed Echinacea in una base di acqua marina.

Astenersi dagli alimenti a rischio, colpevoli di reazioni allergiche come:latte e latticini, cioccolato e tutto ciò che contiene zucchero, bibite fredde e gelati. A cena si consiglia un impiego abbondante di cipolla(gialla, rossa, bianca)crude in insalata, cotte al forno con il rosmarino. Nelle cipolle si trovano composti solforati, che inibiscono la risposta allergica e infiammatoria caratteristica delle allergie. Come condimenti: l'aglio(equilibra le difese immunitarie) su verdure e farinacei;il  limone(abbassa i livelli di istamina, che fa colare il naso e arrossare gli occhi) su carni  bianche e insalate

·        Per l'asma, allergia sicuramente più temuta,con gravi sintomi respiratori come brancospasmo, tosse, affanno, senso di oppressione e “fame d'aria".Nelle sue forme gravi il ricorso ai farmaci è indispensabile, nei casi più lievi i problemi di dispnea e tosse possono essere attenuati e a volte prevenuti dalla pianta Drosera, efficacissima in tutti i tipi di tosse e difficoltà respiratorie:Somministrare 10 gocce  di Drosera in preparazione omotossicologica, 3 volte al giorno, lontano dai pasti.  Il soggetto affetto d'asma dovrebbe evitare cibi in scatola,conservanti, salumi e insaccati in genere,  te, caffè, cioccolato e coca cola. A pranzo e a cena non  deve mai mancare un'insalata di lattuga(calma il broncospasmo),scalogno(sapore più dolce delle cipolle che  riequilibra le difese immunitarie), ravanello rosso(tonico respiratorio e antiallergico), a piacere aggiungere aglio e cipolla. La mattina a colazione una spremuta di agrumi misti: arance, pompelmo, limone(la vitamina C e gli antiossidanti di  cui sono ricchi, inibiscono la costrizione bronchiale).In caso di asma e rinite allergica stagionale, una macchina ionizzatrice, che produce particelle d'aria con carica negativa può contribuire ad alleviare i sintomi.

·        In caso di congiuntivite o di rossore oculare è utile la tintura madre di Eufrasia(ha proprietà lenitive  e rinfrescanti;alcuni colliri l’associano alla cineraria marittima un’altra erba dalle proprietà decongestionante):20 gocce 2-3 volte al giorno; oppure degli impacchi da applicare più volte al giorno con  un infuso preparato con un cucchiaino di Eufrasia e uno di camomilla in 100g d'acqua.

·        Per la dermatite ed eczema allergica per coloro che si curano con l'omeopatia ottimo è il rimedio omotossicologico Graphithes (la conosciuta grafite della matita),è un carbone minerale contenente tracce di ferro, silicio e alluminio:assumere tre volte al giorno, lontano dai pasti, 10 gocce di Graphites in preparazione composta,oppure in prodotto omeopatico, alla diluzione 7 CH 4-5 granuli da sciogliere sotto la lingua più volte al giorno. Altro rimedio omeopatico Apis alla 7CH, 4-5 granuli più volte al giorno.

Per il prurito e arrossamento, applicare sulla zona una pomata alla Calendula.

Concludo ringraziandovi  della vostra  attenzione  e con l’augurio che l’energia vitale della  primavera porti a tutti noi  gioia salute e serenità.

Giovanni Tomasino