editsett2016 - ..::Associazione Shen Shiatsu::..

Vai ai contenuti

Menu principale:

 

Editoriale Settembre 2016


COME RIPRENDERE ALLA GRANDE IL RITMO LAVORATIVO DOPO LE VACANZE ESTIVE.
Quanti di noi, al rientro dalle vacanze, convinti di riprendere il lavoro alla grande è capitato invece il contrario? Sono bastati due giorni per sentirsi fiacchi e spossati. Come mai? Eccovi alcune delle spiegazioni: Settembre è il mese più critico dell’anno, il ritorno dalle vacanze e la ripresa lavorativa, ed ecco subire il cosiddetto ”holidays blues”, la sindrome di fine ferie, che secondo una indagine Istat metterebbe un lavoratore su dieci in crisi dopo due giorni dalla ripresa lavorativa. Settembre segna il passaggio dal solstizio d’estate all’equinozio autunnale, questo cambio di stagione (riduzione delle ore di luce, abbassamento delle temperature, la tiroide che secerna meno ormoni, si rallenta la produzione di melatonina con squilibrio del ritmo sonno-veglia) e il ritorno al lavoro richiede sforzi di adattamento ai nuovi ritmi. Bisogna pure aggiungere che purtroppo per gli italiani,le ferie negli ultimi anni si sono accorciate di molto. Anni fa facilmente si trascorreva tutto il mese di agosto in vacanza ma oggi vuoi per motivi economici (soprattutto), vuoi per i ritmi di lavoro sempre più frenetici, il periodo di vacanza consiste in un massimo due settimane di ferie (per i più fortunati si arriva a venti giorni), e poi si riparte a spron battuto. Tutto ciò è come un colpo di frusta per i nostri neuroni,che con tanta fatica si sono concessi rallentamenti e rilassamenti, e quando cominciano a sentirsi bene, a gustare la vacanza… , ecco che devono rimettere subito in moto tutti i loro ingranaggi elettrochimici. Il sistema nervoso perde nel giro di pochi giorni lavorativi tutto quel poco di benessere e di scorte che aveva messo via nelle settimane di vacanze e si ritrova più scarico di prima ad affrontare l’attività lavorativa,di conseguenza ci si trova sottoposti a una pressione e a una tensione che può a volte sfociare in attacchi di ansia, accompagnata da una sensazione di profonda spossatezza. Secondo alcuni recenti studi si è evidenziato che la fine dell’estate riduce a livello cerebrale l’attività parasimpatica atta a governare la produzione e la conservazione dell’energia vitale responsabile del benessere generale, mentre, al contrario inizia a lavorare di più il sistema simpatico, che se troppo sollecitato velocizza i battiti cardiaci rendendoci tesi e ansiosi. Tutto ciò non fa altro che influire sui ritmi del cervello e sul rendimento dell’intero organismo, e quindi ecco che ci sentiamo stanchi, stressati, emicrania e insonnia, attacchi di fame di zuccheri o al contrario inappetenza… insomma un malessere generale. Ed ecco allora dei piccoli suggerimenti per riprendere il ritorno al lavoro alla grande. La prima cosa da fare per ritrovare l’energia è stare attenti alla dieta: non far mancare le proteine vegetali che nutrono il sistema nervoso senza appesantire il fegato che per la Medicina Cinese è l’organo diffusore dell’energia vitale (Qi). Nel mese di settembre è importantissimo seguire una dieta equilibrata senza eccedere con le carni rosse e i grassi alimentari per due motivi: uno perché il loro consumo favorisce la formazione dei radicali liberi e secondo per rimediare all’alimentazione vacanziera spesso squilibrata. Per ripartire al meglio almeno per i primi dieci giorni, mangiamo soprattutto verdure cotte al vapore e condite con poco olio, possibilmente extra vergine con spremitura a freddo. Consumiamo tre porzioni di frutta al giorno, possibilmente frutta di stagione (pompelmo rosa, mirtilli, agrumi, uve, mele, pere e fichi). Ridurre i carboidrati (non vanno eliminati) e scegliere pasta integrale, meglio se di Farro o Kamut. Ridurre al massimo gli insaccati e i formaggi stagionati. Tutte le mattine appena alzati bere un bicchiere d’acqua a temperatura ambiente con il succo di mezzo limone. Nella nostra tavola per tutto il mese di settembre non facciamo mai mancare i CECI consumiamoli almeno tre volte a settimana,ricchi di Sali minerali e vitamine, i ceci rigenerano il sistema nervoso e,quindi, sono indispensabili per essere più energici nel lavoro. Rispetto agli altri legumi, i ceci sono più digeribili perché stimolano i succhi gastrici e il pancreas. Essi contengono vitamina A e C, fibre alimentari, calcio e ferro; ricchi di saponine, hanno un effetto anticolesterolo. Sono consigliati nelle malattie coronariche dovute ad alto indice di colesterolo,sono altresì consigliati agli ipertesi e ai sofferenti di malattie circolatorie. Ottimo sarebbe da consumarli a cena insieme al FARRO, un super mix nutriente e rinforzante. Il FARRO è il cereale più indicato a settembre, per il sistema nervoso provato dalle fatiche del rientro al lavoro. Il Farro è ottimo per tutti, bambini compresi, oltre all’abbinamento con i CECI, sostituite con esso la pasta e il riso. Il Farro ricco di fibre favorisce la funzionalità intestinale e contribuisce ad abbassare il colesterolo;e inoltre grazie al suo alto contenuto di proteine, vitamine e Sali minerali rassoda la muscolatura e rinforza il sistema immunitario, preparando l’organismo ad affrontare il cambio di stagione. Anch’esso possiede un’azione tonica del sistema nervoso, e quindi ecco un altro prezioso alleato per sostenere la ripresa delle consuete attività lavorative. Il Farro si può trovare sotto forma di chicchi per preparare insalate, minestre e zuppe, oppure come pasta già pronta all’uso, in diversi formati. Altro “elisir” per tutto settembre è la MELAGRANA, una melagrana al giorno dà energia e protegge le arterie. La melagrana è ricca di flavonoidi, sostanze antiossidanti capaci di ridurre il rischio cardiovascolare e mantenere giovani ed elastici i vasi sanguigni e quindi prevenire l’aterosclerosi, e la sua ricchezza di antiossidanti ne fa un anti-age eccezionale, inoltre rinforza il sistema immunitario,ed ha effetti benefici sulla memoria, sulla stanchezza e sullo stress che ci assale al rientro delle vacanze. Assumiamolo per tutto il mese assieme allo yogurt o bevendo il suo succo, o aggiungendo il frutto alle macedonie e all’insalate (perfetto l’abbinamento con la rucola, ricca di vitamina C e di Sali minerali). Il succo della melagrana concentra in sé tutti i principi nutritivi dei semi. A metà mattina invece del caffè, del cornetto o dolcetto prendiamo uno yogurt naturale intero frullato con un bicchiere di succo di melograno, un cucchiaino di miele e un pizzico di cannella; occorre preparare il frullato la mattina e conservarlo in un thermos, e prima di berlo shakerare bene il liquido. Questo spuntino vitaminico e antistanchezza è una miniera di virtù curative , antiossidante e anticolesterolo, inoltre aiuta l’intestino e nutre la pelle.
Oltre ad una corretta alimentazione occorre depurare il nostro corpo cariche di tossine, che costituiscono un ostacolo al libero fluire dell’energia lungo le fibre nervose e contemporaneamente impediscono al corpo di appropriarsi delle energie fresche di nuove molecole; per ovviare a ciò affidiamoci ai macerati glicerici di TARASSACO E CARDO MARIANO: mescolati in parti uguali, 30 gocce prima dei pasti principali. Se, inoltre, la nostra pelle appare grassa, tendenza all’acne e magari con ritenzione un semplice, ma soprattutto economico trattamento depurativo è il bagno al sale con gli o.e. (oli essenziali) di ginepro e limone. Il sale per osmosi favorisce il drenaggio dei liquidi, mentre il limone è purificante e il ginepro riattiva la circolazione: Mescola 1 Kg di sale integrale con 3 gocce di ginepro e 5 di limone, versa in vasca e immergiti per 15 minuti.
Se al rientro delle ferie ti senti svogliato e fai fatica a concentrarti, ricorri agli oligoelementi: l’associazione di MANGANESE-RAME (una dose a giorni alterni). Oppure la NOCE DI COLA. La cola è un sempre verde originario delle foreste tropicali africane. I suoi semi contengono i principi attivi “antifatica”:caffeina, teobromina, colatina. Una delle principali proprietà della noce di cola è la capacità di aumentare i livelli di concentrazione e attenzione, è inoltre un valido sostegno per le lievi depressioni dovute alla malinconia del rientro alle consuete attività, perche migliora il tono dell’umore. Disponibile in fialette, a volte in sinergia con Guarana e Ginseng, per rinforzarne il suo effetto. Assumere una fialetta al mattino.
Un ultimo e prezioso suggerimento, volete partire alla grande e riequilibrare la vostra energia? Cosa c’è di meglio di un ciclo di trattamenti SHIATSU? I trattamenti Shiatsu oltre a garantirvi un’ottima ripresa lavorativa vi procureranno un BENESSERE GENERALE.
A TUTTI VOI CARE AMICHE E AMICI AUGURO UNA BUONA RIPRESA LAVORATIVA, E AI MIEI ALLIEVI DICO… NON VEDO L’ORA DI RIVEDERVI.
BUON SETTEMBRE A TUTTI
Gianni Tomasino

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu