opshiatsu - ..::Associazione Shen Shiatsu::..

Vai ai contenuti

Menu principale:

 

OPERATORE SHIATSU
Il corso è articolato in due livelli il primo di nove mesi dove si apprendono le tecniche di base per lavorare sul cliente in posizione supina, prona, laterale e seduta. Sempre nel primo livello si studieranno i dodici Meridiani Principali e elementari nozioni di Medicina Tradizionale Cinese. Nel secondo livello, l’allievo approfondirà le tecniche shiatsu in base ai cinque movimenti, studierà la diagnosi energetica(osservare, interrogare, sentire, e palpare le aree diagnostiche dell’addome e del dorso),approfondirà lo studio della Medicina Tradizionale Cinese. Sono inoltre previste lezioni di psicologia(approccio col cliente) e fisiologia – anatomia. Nei due livelli, l’allievo svolgerà tirocini con colleghi di corso, con allievi più anziani, con gli istruttori e con clienti non paganti. Sono previste inoltre giornate (di domenica) dedicate al benessere della persona in posti come agriturismi Durante i due livelli sono previsti delle verifiche. Nel primo livello e secondo livello è prevista una frequenza settimanale dalle 19.30 alle 22.00 e una quindicinale sempre dalle 19.30 alle 22.00.. Al termine del secondo livello sarà previsto un esame finale (questionario scritto) superato questo esame l’allievo terrà una discussione di tesi con una commissione composta da medici,psicoterapeuti, istruttori federali . Al termine del corso l’allievo avrà un attestato di qualifica nazionale dell’A.S.I./C.O.N.I. Settore DBN – DOS, L'Associazione è anche affiliata all’AIFS(Federazione Nazionale Shiatsu) dove l'allievo al terminato dell'iter formativo, e superato l'esame finale sarà iscritto nell'albo degli operatori. Altri importanti riconoscimenti avverranno entro la fine del 2013. La Scuola si avvale di ottimi docenti e istruttori di lunga esperienza tra cui il Maestro Franco Bottalo autore di svariati libri sulla Medicina Tradizionale Cinese e sullo Shiatsu e del docente Giovanni Tomasino responsabile nazionale dello Shiatsu ASI settore DBN-DOS. I costi sono contributi associativi di 110 euro al mese. Quindi il primo livello avrà un costo per contributi di euro 990.00(novecentonovanta). Tutti gli allievi inoltre potranno partecipare ad altri corsi con costi(contributi associativi)bassissimi.

PROGRAMMA DEL CORSO DI DUE LIVELLI PER OPERATORE SHIATSU

I LIVELLO ( nove mesi)
Scopo fondamentale del primo anno è di guidare l'allievo alla coltivazione della sua manualità, intesa sia come sensibilità alla percezione sotto le mani, sia come conoscenza delle tecniche manuali di trattamento definite in sequenze.
Le sequenze son lo strumento base nello Shiatsu per la coltivazione della propria manualità e la capacità di interagire con il corpo del ricevente, sensibilizzandosi alla sua anatomia fisica ed energetica.
L'altra componente essenziale del primo anno è una prima introduzione generale ai principi di Medicina Cinese che trovano applicazione nello Shiatsu, con particolare riferimento agli aspetti generali di Yin/Yang, 6 Energie, 5 Movimenti e alla conoscenze dei Canali Energetici.
Terza area estremamente importante, anche se meno sviluppata in termini di ore ad essa dedicate, è lo sviluppo della consapevolezza nell'allievo di ciò che implica il porsi in relazione con un altra persona mediante il contatto attraverso il corpo fisico.
Storia e filosofia del pensiero orientale
•    Inquadramento storico e filosofico delle medicine dell’antico Oriente e dello Shiatsu;
•    Elementi di filosofia: zen, taoismo;
•    Analisi degli ideogrammi Yin – Yang;
•    Seiza e valore cerimoniale;
•    Il modello Masunaga e Namikoshi

Anatomia e fisiologia del “KI”o “Qi”
•    Il modello anatomofunzionale secondo la tradizione orientale;
•    Anatomia e filosofia comparata col sistema occidentale;
•    Principi di fisiologia energetica secondo la M.T.C. (medicina tradizionale cinese);
•    Definizione di energia: il “Qi” o “Ki”;
•    “Hara” e” Tan Tien”: il centro, l’equilibrio del corpo;
•    Tecniche di individuazione dell’energia “Ki”; gli aspetti più evidenti del movimento energetico del corpo;
•    I Cinque Movimenti: genesi e dinamiche energetiche; correlazioni con gli organi e con le
   coppie dei Meridiani;
•    Le condizioni energetiche dei punti: il Vuoto ed il Pieno ;
•    La Polarità
•    Anatomia e fisiologia energetica del sistema dei Meridiani tradizionali

Tecniche e metodologia Shiatsu
•    La respirazione: addominale, diaframmatica e toracica con esercizi pratici;
•    Il ricalco respiratorio;
•    L’impostazione energetica del trattamento Shiatsu ed i suoi principi tecnici;
•    Trattamento Shiatsu sui Meridiani;
•    L’applicazione del “peso”;
•    Studio delle posizioni di lavoro;
•    Posturologia;
•    Contatto;
•    La centralità;
•    La pressione: lavoro sul rendimento e sulle qualità della pressione; direzione, ricalco,
   gradualità, e tetto massimo di pressione; tipi di pressione;
•    Pressione e risposta energetica del trattamento Shiatsu ed i suoi principi tecnici;
•    La “Passeggiata” Shiatsu;
•    Il KembiKi;
•    Tecniche di trattamento addominale: Ampuku, Ampuku profondo;
•    La sequenza del trattamento in posizione prona;
•    La sequenza del trattamenti in posizione supina;
•    La sequenza del trattamento in posizione decubito laterale;
•    La sequenza del trattamento in posizione seduta;
•    Trattamento Shiatsu ai piedi;
•    Trattamento Shiatsu alle mani;
•    Trattamento Shiatsu al viso;
•    Trattamento shiatsu delle spalle, del collo, della testa e delle gambe nelle quattro posizioni;
•    Tecniche ausiliari di pressione: l’uso del gomito,delle ginocchia;
•    Indicazioni e controindicazione nell’esecuzione delle sequenze;
•    Dispersione e bonificazione: concetti di Kyo e Jitsu;
•    Le manovre aggiuntive alla sequenza base;
•    Tecniche di stiramento dei meridiani;
•    Mano madre e mano figlia:spostamenti e gestione dell’energia;
•    L’eleganza: la cura e il rispetto nel trattamento Shiatsu

II livello (diciotto mesi)
Nel secondo anno si guida l'allievo ad una conoscenza più estesa e precisa delle nozioni fondamentali di Medicina Cinese che sono necessarie per consentire una valutazione energetica della persona. Questa conoscenza è fondamentale per potersi spostare dal trattamento generico del primo anno  (le sequenze) ad un trattamento che sia mirato alle esigenze specifiche della persona che tenga conto delle sue debolezze e dei suoi punti di forza, sia costituzionali che acquisiti.
Per poter sviluppare tutto questo si provvede a:
1 – approfondire lo studio teorico dei principi di Medicina Cinese ed in particolare della Teoria degli Organi e Visceri applicata allo Shiatsu
2 – Studiare nel dettaglio decorso e modalità di trattamento dei 12 Canali Principali, che costituisce lo strumento specifico di lavoro manuale di chi pratica Shiatsu
3 – Affrontare lo studio della valutazione energetica (o diagnosi) che consentirà di sviluppare un trattamento per le esigenze specifiche della persona trattata.
A partire dal secondo anno l'allievo è anche introdotto alla visione occidentale del corpo umano e del suo funzionamento. Si prevede quindi accenni alla cellula (unità di base della medicina occidentale) e dei tessuti, per arrivare a nozioni elementari di anatomia e, con il terzo anno, di fisiologia occidentale. La loro conoscenza è ritenuto un aspetto importante per la formazione dell'allievo, ma è fondamentale che avvenga in modo separato dalle nozioni di anatomia e fisiologia energetica per evitare che si creino confusioni e sovrapposizioni improprie. Lo studio di questa parte è finalizzato all'apprendimento di nozioni estremamente elementari e si focalizza principalmente sulla anatomia delle strutture più esterne del corpo (pelle, muscoli e tendini, ossa) e sulla fisiologia generale degli organi della medicina occidentale moderna. Inoltre si accenna alla visione generale della medicina occidentale e che prevede lo studio della cellula come unità di base per la conoscenza di tutte le strutture corporee. Le lezioni frontali sono essenzialmente teoriche e si demanda allo studente l'approfondimento e la pratica.
Scopo del terzo anno è principalmente di consentire l'integrazione di tutto il materiale sviluppato nei due anni precedenti in un insieme omogeneo e coordinato.
Il primo anno è molto centrato sulla pratica e, mediante questa, sullo sviluppo della propria manualità e sensibilità nel trattamento.
Il secondo anno ha coltivato molto la conoscenza teorica che è necessaria per rendere la pratica qualcosa di specifico per le esigenze della persona trattata.
Con il terzo anno questi due aspetti si devono integrare in modo che pratica e teoria diventino gli strumenti interconnessi della pratica Shiatsu: la conoscenza dei 12 Canali Principali deve integrarsi con il trattamento manuale, la valutazione energetica manuale su aree del corpo con la valutazione mediante domande e osservazione.
Questo viene perseguito mediante la revisione di tutto il materiale dei primi due anni da un lato e dall'altro attraverso lo studio di casi concreti portati dall'insegnante o dagli allievi stessi

Elementi di fisiologia
•    Neuroendocrinologia;
•    Mediatori neurochimici;

Elementi di Psicologia generale
•    Epistemologia del linguaggio scientifico;
•    Elementi di medicina psicosomatica;
•    Transfert e controtransfert nella dinamica energetica, nella relazione;counseling
•    Studio di alcuni modelli classici di comportamento collegati a cinque Movimenti;
•    Approccio al cliente e deontologia professionale.

Elementi di biologia generale
•    La cellula e l’energia;
•    Il principio omeostatico;
•    I ritmi biologici;
•    I cicli circadiani;
•    Il dolore;
•    Elementi di immunologia, microbiologia ed igene, batteri, virus, miceti:
•    Elementi di citologia ed istologia: foglietti germinativi;
•    Elementi di embriologia

Elementi di anatomia
•    Anatomia topografica; • Organi e visceri;
•    Apparato locomotore;
•    Sistema osteoarticolare;
•    Sistema tendineo muscolare;
•    Sistema cardiocircolatorio e linfatico;
•    Sistema nervoso centrale e periferico:le sinapsi, i meccanismi di conduzione;
•    Sistema digerente;
•    Sistema respiratorio

Anatomia e fisiologia energetica del “Qi”
•    Analogia tra i cinque Movimenti e l’espressione del carattere e delle emozioni;
•    Lettura dei segni e valutazione energetica;
•    Funzione energetica di Organi”zang”e Visceri “fu”;
•    Studio di altri canali energetici;
•    La meditazione sul punto;
•    Quadri di disarmonia;
•    Sistema di diagnosi orientale:le cinque diagnosi;
•    I Tesori fondamentali: Qi – Shen – Jing – Fluidi e Sangue;
•    La “Piramide Energetica”;
•    Yin/Yang; le tre fasi. Corpo, Mente, Spirito;
•    I momenti della diagnosi :osservare, sentire, domandare, palpare;
•    La legge dei tre Elementi;
•    Le sei energie
•    I principali “Quadri di disarmonia”
•    La diagnosi dell’addome: Hara, zone Mu;
•    Polarità complesse:la Dinamizzazione;
•    La prima seduta Shiatsu
•    I canali Tendino Muscolare;
•    Le zone,le sequenze dei canali e i punti di convergenza dei T.M.;
•    I singoli Tendino Muscolari:significato energetico e atteggiamento posturale e psicologico;
•    Le turbe dei Tendino Muscolari e loro diagnosi
•    Trattamento dei Tendino Muscolari
•    Tecniche di metodologia Shiatsu
•    Tecniche Shiatsu per disturbi specifici
IL TIROCINIO PRATICO DEI TRE ANNI
Il tirocinio pratico ricalca nei suoi obbiettivi  quello dei tre anni di insegnamento.
Il tirocinio complessivo può essere suddiviso in una parte eseguita sotto la diretta supervisione dell'insegnante ed in una parte in cui l'allievo svolge personalmente dei trattamenti che rivede e discute poi con l'insegnante stesso.
Il numero di ore complessivo è da considerarsi suddiviso equamente fra i tre anni, seppur con finalità diverse.
Durante la formazione l’allievo dovrà svolgere dei tirocini con compagni di corso, con l’allievo più anziano, con l’allievo più giovane e con l’istruttore. Inoltre negli ultimi nove mesi praticherà il trattamento shiatsu a “clienti non paganti”.I tirocini vanno intesi come esperienza che arricchisce la formazione del tirocinante. Inoltre l’allievo tirocinante potrà portare in discussione alcuni casi trattati con l’istruttore che fornirà consigli e pareri, nonché, se necessario, chiarire la filosofia e la logica di un intervento, secondo un modello energetico dello Shiatsu e che si ispira alla M.T.C. e del pensiero taoista.

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu