rifless plant - ..::Associazione Shen Shiatsu::..

Vai ai contenuti

Menu principale:

 

CORSI DI RIFLESSOLOGIA PLANTARE

La riflessologia plantare è una tecnica manuale che agendo sul piede consente alla persona di ritrovare il proprio equilibro psicofisico, ripristinando la naturale armonia tra gli organi, i sistemi corporei e l'atteggiamento mentale, necessaria per favorire e mantenere lo stato di salute. E' un trattamento che agisce a livello dei piedi dove esistono zone riflesse, collegate a ogni parte del corpo, che nel loro insieme riflettono tutto l'organismo nel suo aspetto psicofisico. Massaggiando le varie zone del piede è possibile individuare quali sono, in un determinato momento, gli organi sofferenti o in squilibrio e localizzare eventuali blocchi energetici che impediscono alla persona di esprimere pienamente le proprie potenzialità Nel piede rivediamo proiettato tutto il corpo e dal piede possiamo agire quindi in maniera riflessa su ogni parte di esso, per risolvere disturbi e ristabilire l’ordine perso. Guardando il piede di profilo potremo notare che ha la stessa sagoma di una persona seduta dove la testa corrisponde all’alluce. Toccando i vari punti del piede, per esempio quelli corrispondenti al fegato od il rene, possiamo comprendere dal tipo di dolore, acuto o sordo, se si tratta di un problema recente o al contrario antico, in fase di guarigione o di riacutizzazione. Al piede destro per esempio corrisponde la parte più razionale di noi tutti, ciò che ha a che fare con lo studio, il lavoro; il piede sinistro invece corrisponde all’emotività, cioè agli affetti, le paure, le ansie ecc. Il linguaggio riscoperto nel piede, parla attraverso la sua forma, il colore, le screpolature, il tipo di odore, la forma delle dita e la loro proporzione, l’aspetto delle unghie, l’ispessimento delle stesse e della pelle, la localizzazione dei calli e duroni, l’altezza dell’arco plantare, le sporgenze ossee, le linee della pelle, i gonfiori e gli avvallamenti. La bellezza della tecnica riflessologica resta comunque nella sua semplicità e profondità al tempo stesso:la mano, strumento primordiale di cura e benessere che va ad agire ed interagire con il piede, la base che ci sostiene ogni giorno nel nostro andare nel mondo, e che racconta di noi, alle mani esperte di chi sa leggerne i messaggi. Le sue origini vanno ricercate in un passato remoto. Numerose fonti storiche indicano che il massaggio del piede è stato praticato da numerosi popoli e diverse culture. La più antica e preziosa testimonianza è stata ritrovata in Egitto nella necropoli di Sakkara: Nella tomba dei medici tra numerose scene murarie che rappresentano interventi medici, c'è un affresco che descrive un particolare trattamento di mani e piedi. In Oriente la riflessologia ebbe origine in Cina 5000 anni fa.Altri studiosi attribuiscono invece, l'origine della rifl. Agli Incas circa 1200 a.C..In occidente la diffusione della Riflessologia Plantare moderna si ebbe a partire dall'inizio del XX secolo grazie al medico odontoiatra William FitzgeraldI.che nel 1910 tracciò una mappa del corpo umano attraversato da 10 meridiani diviso in altrettante zone, le cui parti ed organi trovano i corrispondenti punti riflessi nelle mani e nei piedi. Un’altro medico E.F. Bowers, si unì a lui per approfondire e divulgare la nuova scienza, che chiamò “Terapia zonale”. Sempre negli USA una donna, E.D. Ingham, elaborò più tardi, un più dettagliato metodo riflessologico. E’ a lei che fanno capo tutte le scuole Europee, fra cui la tedesca H. Marquardt, l’inglese D. Bayly e la svizzera H. Masafret.

PROGRAMMA DELCORSO  di tre week end per un totale di 54 ore
Origini della Riflessologia Plantare. Cenni storici. Incontro tra Occidente e Oriente.  I cinque Elementi in Medicina Tradizionale Cinese. La Scuola di William Fitzgerald e Eunice Inghaman. Elemenenti scientifici e risultati empirici.      L’antico massaggio del piede.   Massaggio Sintomatico. Riflessologia Olistica secondo i canoni della Medicina Tradizionale Cinese.    Il  Sintomo. Il Terreno Costituzionale. Risoluzione degli Squilibri e inizio di un percorso di Cura.     Primo    contatto con il piede: la Diagnosi in Riflessologia.   Lettura del piede. Osservazione dei segni e Quadro Energetico generale.       La Presa di contatto. Tecnica di massaggio.   Il Rilassamento. Effetti della Riflessologia sugli stati d’ansia. La Respirazione.   Le Mappe. Punti riflessi di Organi e Apparati sul      piede.   Elemento Acqua Sistema Scheletrico, Urinario, Nervoso. Elemento legno Sistema muscolare. Elemento Fuoco Cardiocircolatorio e la circolazione sanguigna. Elemento Terra Digerente, Linfatico, Endocrino Elemento Metallo il Sistema Respiratorio , colon . Organi di senso. Elementi di Anatomia e Fisiologia. Quadri di Squilibrio e Patologie più ricorrenti.    Effetti e risultati della Riflessologia Plantare.     Anatomia                del piede.  Patologie e disturbi specifici del piede. Casi clinici. Produzione e discussione di protocolli di cura con la Riflessologia Plantare.  Tempi e obiettivi di un percorso di cura. Deontologia professionale. Funzione e limite del Riflessologo.     
PROGRAMMA SECONDO LIVELLO FACOLTATIVO di 2 week end per un totale di 36 ore
Mentre con il primo livello si impara l’approccio con il piede, le varie tecniche di lavoro, la mappa completa del piede per lavorare sui vari sistemi,alcune post tecniche e protocolli, il secondo livello prevede:
la tecnica metamorfica o “terapia prenatale” Si deve al naturopata inglese  Robert St. John. la scoperta che sul riflesso corrispondente alla colonna vertebrale  si trova "iscritto" il periodo prenatale, la gestazione e il momento postnatale. Lui ebbe l'intuizione che lì ci fossero tutte le settimane di gravidanza e  ciò che si è verificato in quel periodo, a livello sia fisico sia psichico. Molti motivi, sia genetici sia ambientali o d’influssi cosmici, provocano dei blocchi nel flusso dell'energia vitale che influenza le condizioni del nuovo essere che sta sbocciando alla vita e lo  "programmano". Andando a lavorare in queste zone si va ad allentare la tensione  che, così facendo, scioglie poco per volta  i blocchi che si sono formati e che  possono essere la causa d’atteggiamenti mentali che controllano la nostra energia primaria: pre natale(cielo anteriore) e post natale(cielo posteriore).
Studio e pratica di altri protocolli : nevralgia del viso, bruxismo;  sinusite, lombo sciatalgia,emicrania e cefalea. periartrite scapolo-omerale e altri. Lo studio di alcune poste e pre tecniche. Il massaggio anticellulite. Lo studio della lettura del piede, delle dita del piede. Lo sblocco dei chakra.

Bibliografia consigliata:
Il massaggio zonale riflesso del piede Hanne Marquardt ed.Marrapese Riflessologia olistica Avi Grinberg ed.Red La riflessoterapia del piede Dwight C.Byers ed.Mediterranee Massaggio zonale Clara Bianca Erede ed.Red Riflessologia Inge Douglas Suzanne Ellis ed.Mondatori Riflessologia Dalia Piazza De Vecchi ed.

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu